Nullo l'avviso di accertamento in assenza di valida delega del Direttore Provinciale alla sottoscrizione da parte del funzionario preposto.

15 ottobre 2018

E' spesso prassi dell'Agenzia delle Entrate emettere un avviso di accertamento o un avviso di liquidazione sottoscritto da un funzionario su delega - in genere - del Direttore Provinciale o del Capo Ufficio.

In tali ipotesi, come più volte rilevato dalla Corte di Cassazione (cfr. sent. n. 24492/2015, n. 22803/2015 e, più di recente, n. 26295/2016), è onere dell'Ufficio dell'Agenzia delle Entrate provare - eventualmente anche nel corso di giudizio dinanzi alle Commissioni Tributarie):

I) l’esistenza della delega scritta, mediante esibizione;

II) il conferimento della delega a un funzionario della carriera direttiva di nona qualifica funzionale;

III) che la delega sia adeguatamente motivata, nonché riferita ad un preciso soggetto e ad un preciso ambito temporale entro cui è ritenuta valida.

In mancanza di simili prove l'avviso di accertamento o l'avviso di liquidazione è da considerarsi illegittimo in quanto affetto dal vizio di carenza di potere nell'emissione dello stesso.

Ciò posto, si segnala come di recente la Commissione Tributaria Provinciale di Roma, con la sentenza n. 12523/2015  (clicca qui per prelevare il testo), in un giudizio patrocinato dallo scrivente avvocato tributarista Giuseppe Marino, ha accolto il ricorso ed annullato un avviso di accertamento rilevando - sulla scorta dell'orientamento della Cassazioni sopra accennato - quanto segue: "Nel presente caso di specie, a fronte della contestazione effettuata dalla società ricorrente, l'amministrazione finanziaria non ha fornito la prova della delega fornita dal Direttore provinciale al funzionario che risulta essere il materiale sottoscrittore dell'atto dott..... (cfr. copia dell'atto prodotta in allegato al ricorso), avendo invece fornito allegazioni e prove della delega conferita dal suddetto Direttore ad altro funzionario (dott. .... cfr. disposizione di servizio prodotta come all. 4 della comparsa).

Deve pertanto ritenersi, alla stregua delle considerazioni che precedono, la nullità dell'atto con effetto chiaramente assorbente rispetto all'esame delle ulteriori contestazioni sollevate dalla società ricorrente".

Avv. Giuseppe Marino                                                                          

Avvocato tributarista cassazionista in Roma

 

 

Studio di consulenza fiscale e tributaria Marino

 

Proponi un quesito o richiedi un appuntamento per  una consulenza legale tributaria su questo argomento allo

 

Studio Legale Tributario Marino

Via Ruffini 2/a - 00195 - Roma - Tel. 06/3217567 - 06/3217581

 

www.studiomarino.net

 

 

email: g.marino@studiomarino.net

 

Archivio news

 

News dello studio

mar22

22/03/2019

Il contraddittorio tra Fisco e contribuente nella nuova e innovativa interpretazione fornita dalla Cassazione nella sentenza n. 701 del 15 gennaio 2019.

Come noto, in tema di contraddittorio preventivo o endoprocedimentale, le pronunce della Suprema Corte sono apparse negli ultimi anni tanto decisive quanto alla loro portata interpretativa dell’art.

mar19

19/03/2019

Quando il liquidatore o l’amministratore, anche di fatto, di una società estinta e cancellata dal registro delle imprese non risponde per i debiti tributari della società.

Con la sentenza n. 4269, depositata l’11.10.2018, la Commissione Tributaria Regionale di Milano ha ribadito alcuni fondamentali principi già sedimentati nella giurisprudenza della Cassazione

feb27

27/02/2019

L’avviso di accertamento fondato sul cosiddetto “bottigliometro” o “tovagliometro” è nullo se non supportato da presunzioni qualificate.

STUDIO LEGALE TRIBUTARIO Avv. GIUSEPPE MARINO Roma, Via Ruffini 2/a 00195 - ROMA     Accertamento induttivo dei ricavi di ristoranti e bar. L’avviso di accertamento fondato sul